Le 11 regole fondamentali del podista in gara

1: mentire sempre sul tempo previsto di arrivo, è un dogma già in zona parcheggio.

2: eseguire funambolici esercizi di stretching, fanno scena, non servono a niente, ma impressionano gli avversari.

3: lamentarsi smodatamente sulle proprie condizioni fisiche ti salverà da qualsiasi figura di merda all’arrivo.

4: ultimo completino sociale, sbarbato e messa in piega ed è già una vittoria.

5: indossare le scarpe modello Eliud incudono timore reverenziale su tutti, anche indossate da te.

6: arrivare presto in zona gara fa atleta concentrato sull’obbiettivo, anche se lo fai solo per il parcheggio.

7: arrivare tardi in zona gara fa top runner, anche se ti eri scordato dell’ennesima gara.

8: arrivare solo per il ristoro finale con la squadra fa podista vero.

9: sputare l’anima lungo il percorso ma solo dove ci sono i fotografi è uno stile di vita, lo capirai con il tempo.

10: arrivare davanti all’amico di sempre, anche solo di 2 secondi vale tutta la stagione.

11: credere di aver fatto un tempone ed essere ultimo di categoria è la misura di quanto non ci capisci una sega anche dopo una vita di gare.