Linus e il grande contributo alla corsa italiana

Linus è il conduttore radiofonico più famoso d’Italia e sicuramente una delle persone che ha fatto più bene al running nel nostro paese.

Il suo vero nome è Pasquale Di Molfetta, nato il 30 ottobre 1957 a Foligno da genitori originari di Canosa di Puglia, all’inizio degli anni Sessanta si trasferì con tutta la famiglia a Paderno Dugnano.

È il fratello maggiore di Albertino, altro pilastro della musica dance.

Il nomignolo Linus gli fu dato da un suo professore di scuola media. Sposato con due figli, la sua carriera artistica inizia come disc jockey nel 1976, da quel momento ha seguito e anticipato mode, creato contenitori che sono stati l’anima di tante generazioni.

Radio Deejay è la sua creatura più preziosa, fin da quando, noi adolescenti, lo seguivamo nel pomeriggio di Deejay Television su Italia 1.

Nel 1991 inizia a presentare il programma di maggior successo: “Deejay chiama Italia”, affiancato dal 1997 da Nicola Savino.

Nel 1995 prende il posto di Claudio Cecchetto come direttore artistico di Radio Deejay, con la responsabilità di scegliere le voci per comporne un palinsesto.

Sotto la sua guida, l’emittente ha ottenuto importanti indici d’ascolto, con un picco di oltre due milioni di ascoltatori in più ottenuti nel 1999.

Ma è la corsa l’altra grande passione di Linus fino a diventare mezzo di promozione della radio e viceversa.

Inizia a correre sul finire degli anni ’90, marzo 2002 chiude la sua prima Stramilano e otto mesi dopo è a New York, per correre la prima maratona.

Leggi anche

Lo scherzo a Linus, il più bello da quando l’uomo ha inventato il podismo

Come detto la Radio è il mezzo per fare del bene, raccontando i benefici dello sport in generale e in tutte le declinazioni, dalla corsa sotto casa, all’endurance e così dal 2005 decide di organizzare le Deejay Ten, una corsa non competitiva che si svolge annualmente in diverse città italiane e che recano il marchio Deejay.

Domenica ci sarà la più famosa, quella di Milano a cui poi nel tempo sono seguite quelle di Bari, Firenze e Napoli, solo a Roma non è decollato l’evento ma come ha detto lui stesso “la capitale è difficile”, come dargli torto.

Foto Pace-Frabotta per Leica Italia

Nel 2010 ha pubblicato un libro sull’argomento running, Parli sempre di corsa, Arnoldo Mondadori Editore.

Dal 2014 crea il Deejay Training Center, in onda la domenica a mezzogiorno e presenta insieme a Stefano Baldini e Davide Cassani, a cui nel tempo si sono aggiunti Elena Casiraghi e Hervé Barmasse, Daniel Fontana e Alessandra Patitucci e parlano di allenamento, preparazione, integrazione, alimentazione, gare e tante altre curiosità in risposta alle domande degli ascoltatori.

LInus e il gruppo del deejay training center

Esagerare con la passione non aiuta”. – E’ la sua visione matura della corsa, perchè se hai superato i cinquanta, l’esasperazione non paga.

Linus quando parla ai microfoni della radio sembra di ascoltare un amico di squadra, uno di quelli che con saggezza ti dice che “bisognerebbe imparare a non angosciarsi, anche per non angosciare il prossimo.”

E lui lo dice con cognizione di causa, nei primi anni di rincorsa al personal best Linus era come tutti, uno che a suo dire “rompeva le palle agli altri parlando di prestazioni e obiettivi da raggiungere. Oggi la vivo diversamente.”

Da Milano a New York passando per Firenze, ha corso tutte le più importanti maratone, anche se oggi il suo atteggiamento nei confronti delle competizioni è cambiato, tanti i fan della radio lo seguono e lo imitano imparando a correre, crediamo che questo sia il risultato sportivo più bello che un innamorato della corsa possa raggiungere.

Grazie Linus

Ascolta il podcast a lui dedicato nel canale RUNATION 451

RUNATION451 copertina

 

 

Appassionato dello sport e di tutte le storie ad esso legate. Maratoneta ormai in pensione continua a correre nuotare pedalare parlare e scrivere spesso il tutto in ordine sparso