Anche i supereroi quando sono stanchi si fermano…

Anche i supereroi sognano di essere normali, di bere un aperitivo, di correre piano, di prendere antidolorifici, di sedersi e mangiare con calma senza il pensiero di dover salvare vite e il mondo intero.

E allora anche nell’immaginario femminile Wonder Woman, anche se sempre di fretta, carica una lavatrice, dorme, porta a spasso il cane, non si sveglia truccata e perfetta, ha un lavoro, dei figli e non si veste sempre coi super mutandoni, i bracciali respingi energie negative e i soliti nemici da spedire all’inferno.

Perché lei è Diana Prince e anche se è un’amazzone in conflitto con il mondo intero, anche lei quando è stanca si ferma, si guarda allo specchio e somiglia a noi.

A noi donne mamme o semplicemente Donne con la D maiuscola, che anche se i mutandoni li usiamo una volta al mese in fondo in fondo Wonder Woman un po’ lo siamo:

A noi che ci alziamo la mattina presto, ma a volte ci riaddormentiamo, perché “ oddio non ho chiuso occhio”  e entriamo nella casistica “mi vesto in cinque secondi mi aggiusto un po’ il viso e ok sono pronta”.

A noi che andiamo sempre di corsa e che ci hanno disegnato come macchine perfette per impacchettare incastrare e organizzare la nostra vita, quella dei figli, degli animali presenti in casa, quelli fuori  e a volte anche quella dei mariti, compagni, congiunti e consorti.

A noi perché anche le super mamme sbagliano, inciampano hanno incertezze , scivolano, a volte si lamentano, ma si chiudono in bagno quando lo fanno e piangono..

Non dicono mai non ce la faccio, sono ultra, extra, strong e sanno che anche a fatica non molleranno.

A noi che amiamo correre, nuotare pedalare camminare fare sport che “ chi si ferma non sono io” dal lunedì alla domenica perché neanche il settimo giorno ci si riposa.

A noi che Wonder Woman ce l’abbiamo nel codice genetico e anche se vediamo un divano, sappiamo che dovremo comunque sollevarlo o spostarlo, mentre con una mano ci allacceremo il reggiseno e che in fondo in fondo non ci avrà mai.

A noi che la vera forza sta nei cambi di direzione veloci e nelle occasioni da prendere al volo.

A noi che l’unica crema di bellezza è il voltaren dopo una maratona o una giornata seduta in macchina a fare l’autista, la spesa, il traffico, il cambio marcia, d’abito, di scarpe e il lavoro.

A noi che a volte sembra ci sia passato sopra un treno, ma che, nonostante il viso provato dalla stanchezza, con un fondo tinta tipo stucco si ritorna normali, devi solo augurarti di non starnutire.

A noi che “più veloce della luce” non è la fibra ottica, ma la spesa prima di tornare a casa…

A noi che andiamo sempre contro vento, ma che in fondo il vento non ci sfiora mai!

A noi che non abbiamo mai tempo e che l’unico che abbiamo cerchiamo di superarlo correndo, tenendo il ritmo, sbuffando accelerando e dicendo il rosario con la mano destra mentre con la mano sinistra riusciamo a prenotare anche un colloquio col professore di letteratura ( salva; conferma; mail contrassegnata).

A noi che toccateci tutto, ma lasciateci Thor che in un giorno di pioggia possa venirci a raccogliere tra le pozzanghere perché manco il Dio uragano ci ferma.

A noi che siamo una forza della natura e che senza scomparirebbe il genere umano dal pianeta terra.

A noi che “c’era una volta” Wonder Woman, ma che, anche lei a volte si siede e usa l’ibuprofene.

Dominga Scalisi